Agriturismo Pozzuolo

Azienda Bio-Agrituristica


L'Agriturismo

L’azienda bio-agrituristica Pozzuolo, aperta tutto l’anno, si trova nel borgo rurale di Pozzuolo in comune di Serrungarina, sulle colline della provincia di Pesaro e Urbino a 350 mt. slm.
L’ubicazione centrale rispetto al territorio provinciale, permette di raggiungere agevolmente il Mare Adriatico, l’Appennino Umbro-Marchigiano e i siti storici di Urbino, Fano, Mondavio, Gradara, Fonte Avellana. Le possibilità per spendere un soggiorno rilassante sono molteplici: dal passeggiare in ambiente naturale al partecipare alle attività dell’azienda agricola (cura dell’orto, panificazione, collaborazione alla preparazione dei pasti preparati con prodotti tipici di provenienza biologica). E’ praticabile l'escursionismo, anche guidato, nel vicino Appennino e nei siti naturalistici della Regione (Riserva Naturale del Furlo, Parco Naturale Regionale del Sasso Simone e Simoncello, Parco Nazionale dei Monti Sibillini). L'edificio principale, ristrutturato con criteri di bioedilizia, è situato alla sommità del Borgo e dispone di un vasto giardino privato. L’attività agricola consiste principalmente nella coltivazione biologica di ortaggi, frutta, tartufi, olive e governo del bosco. La dimensione dell’azienda è minimale sia per l’ospitalità (massimo 10 persone) sia per la produzione agricola, prevalentemente indirizzata al consumo interno.

Il Borgo di Pozzuolo

Completamente perso nelle campagne di Serrungarina si trova il minuscolo castello di Pozzuolo. La via che dal capoluogo conduce a questa frazione corre su di un crinale che apre lo sguardo verso la costa adriatica. Così, distratti da quella distesa azzurra, non ci si accorge che, in lontananza, compare un piccolissimo borgo.
Le case paiono accatastate le une sulle altre, addossate e strette mentre, sulla sinistra, troneggia la mole di quella che sembra una chiesa con un grande campanile. Tutto intorno boschi e campi arati ed in basso qualche ulivo punteggia la campagna. Non è un borgo Pozzuolo ma un quadro. Un puntolino immerso in un paesaggio bucolico così differente dalla frenesia della piana che abbraccia il fiume Metauro…
Tre sono le cose che caratterizzano questo borghetto: la schiera di case che si affaccia sulle mura meridionali, la grande chiesa parrocchiale con il suo campanile e l’area sommitale dell’abitato oggi adibita ad orto dove forse, un tempo, sorgevano alcune strutture difensive…

Daniele Sacco
Il Resto del Carlino-Pesaro, 10 maggio 2010